ENG ITA

Premio Italiano Fotografia Astronomica 2013

Foto vincitrice “Via Lattea su Balanced Rock”


Premiazione con Barbara Negri responsabile dell’unità Esplorazione e Osservazione dell’Universo dell’ASI, Fernando Pedichini, e Marco Galliani dell'INAF.

Ecco il comunicato stampa che annuncia il vincitore:


È stato premiato ieri, nel corso della cerimonia che si è tenuta a Roma, il vincitore della prima edizione del Premio Italiano di Fotografia Astronomica. E’ Marco Meniero, che con la sua foto “Via Lattea su Balanced Rock” ha convinto i rappresentanti della giuria composta da organizzazioni, giornalisti ed esperti di fotografia di ESA, INAF, ASI, Forum Astrofili Italiani e NextMe.it, sbaragliando l’agguerrita concorrenza. La foto è stata scattata il 10 luglio del 2010 nel parco nazionale dello Utah, in America con una Canon Eos 5DMKII con EF14 f/2.8. Lo scatto di 30 secondi con ottica chiusa a f/3.5 con fotoritocco con Photoshop cs6. Meniero, nato a Civitavecchia (Roma), classe '73, si può descrivere come un vero appassionato e cultore di fotografia astronomica. Ha infatti collaborato con alcune riviste di settore ed è socio di alcune associazioni di astrofili. Fin da piccolo incuriosito dal cielo e dalle sue costellazioni, Meniero afferma: “Quando riprendiamo il Cielo, noi ritraiamo noi stessi, o almeno ciò che noi vediamo del contesto rapportato al nostro io. La tecnica fotografica ci fornisce la capacità di estrarre il magico mondo che portiamo dentro”. Il PIFA, il Premio nazionale di Fotografia Astronomica è il primo premio italiano organizzato da NextMe. È rivolto a tutti gli appassionati dello spazio ed è pensato per dare voce agli amanti del cielo, delle stelle e dell’astronomia in generale. È un premio nato dall’idea di dar visibilità a tutti coloro che, astronomi, fotografi professionisti e non, hanno una spiccata passione per tutto ciò che il magnifico cielo nasconde. Questa prima edizione ha visto una partecipazione attiva del pubblico (precisamente 280) che ha risposto inviando ben 452 foto davvero spettacolari. “Scegliere tra le numerose foto arrivate in redazione è stato davvero difficile. Ogni immagine è riuscita a trasmettere la passione per il cielo di chi l'ha scattata - dice Francesca Mancuso, direttore editoriale di NextMe. - Anche se l'inquinamento luminoso spesso rende difficile ammirare la bellezza dell'universo, il tempo dedicato a questa attività è sicuramente ben speso. Ci auguriamo che anche la prossima edizione possa riscuotere lo stesso successo”.